VAI ALLA HOME PAGE Cliccocasa.it - la via più breve verso casa tua
Prodotti & Servizi Azienda Contatti
 
ALBATROS - La soluzione NONSOLOWEB per il turismo - Hotel, Agriturismo, Camping ALBATROS DOMVS - Agenzie immobiliari on line - pronte per il nuovo mercato DOMVS NEgoTio - Soluzioni integrate per il commercio elettronico, dalla intranet all'on line NEgoTio imprEndere - PMI on line, la soluzione internet per la Piccola e Media Impresa imprEndere Cliente - CRM intranet/web - La cura dei vostri clienti a cura di Uplink Cliente eMergo: Primi in classifica - Il motore per la visibiltà del vostro business eMergo
 
Sei qui: Uplink > Azienda > Web Usability > Web Usability "al servizio di…"
Area Clienti:
 
VAI ALLA HOME PAGE  
Web Usability












































































































 

Usabilità: un concetto fortemente dinamico
Web Usability "al servizio di…"

Recentemente qualcuno ha parlato di Web Usability come di uno strumento nelle mani del mercato: alcuni sostengono, infatti, che questa rappresenti l'insieme delle strategie che spingono l'utente a comprare e, quindi, a fare il gioco delle aziende che si propongono sul Web adottando le tecniche che abbiamo visto in questo speciale.

Personalmente non credo che l'usabilità sia uno strumento di plagio, cioè destinato ad alterare la volontà dell'utente. Credo, invece, che sia uno strumento a servizio della volontà, destinato quindi a rendere accessibile e semplificare ciò che una persona intende fare o si aspetta di poter fare, nel nostro caso, attraverso un sito Internet.

 
 USABILITA' IN SENSO STRETTO
 

E' chiaro comunque come una divisione così netta sul tema della volontà dell’individuo non sia scontata. Facciamo un paragone con la vita "reale": una persona decide, ad esempio, di andare al supermercato per acquistare un prodotto che le è utile e che ha ben identificato. Supponiamo che esca dal supermercato avendo acquistato anche qualcos’altro di più o meno utile.

In questo caso si potrebbero identificare almeno tre livelli di usabilità:

  • Usabilità in senso stretto, riferendoci a quelle proprietà del supermercato che hanno consentito all’utente di accedere con semplicità a ciò che desiderava acquistare;
  • Cura del cliente, riferendoci invece a quelle proprietà che hanno portato il cliente ad acquistare qualcosa che non aveva previsto ma che, grazie alla struttura logistica del supermercato, si è ricordato o si è accorto di dover acquistare;
  • Strategie di Marketing, riferendoci a tutte quelle opportunità di fronte alle quali viene messo l’utente. In questo caso si parla di usabilità riferendoci a quei percorsi che stimolano l’avvicinamento della persona all’acquisto di prodotti che non gli saranno di immediato utilizzo ma che, comunque, finirà per acquistare (perché interpreta l’offerta come un’occasione da non perdere o perché il messaggio pubblicitario gli solleva il piacere di provare un prodotto che non avrebbe mai pensato di acquistare o per altri motivi).

Nei primi due casi è giusto parlare di usabilità in quanto il supermercato si rivela a servizio della persona . Nel terzo si vanno a sfruttare concetti di usabilità per “invogliare” la persona all’acquisto.
Sarebbe, però, limitativo vedere l’usabilità solo come strumento per stimolare gli acquisti. Dovrebbe essere visto, in primis, come il mezzo per non ostacolare la volontà dell’utente.

 
 LE PERSONE SUL WEB
 

Come si vede dall’esempio appena fatto, il Web non inventa nulla di nuovo se non lo strumento stesso per accedere al supermercato o, più in generale, a un’informazione o a un servizio.

In questo senso, nel Web si ritrovano tutte le opportunità e tutti i rischi presenti nella società in quanto tale: la sua esistenza stessa e il suo corretto impiego dipendono anche da chi lo utilizza.

Internet dovrebbe proprio servire a liberare, semplificare e offrire opportunità di espressione grazie anche al suo crescente livello interattivo.
Il problema, dunque, si rivolge in gran parte al comportamento delle persone sul Web oltre che, ovviamente, al viceversa.

Chiaramente questo atteggiamento (homo-centrico, se così lo possiamo definire) responsabilizza il singolo individuo e, dunque, richiede quella caratteristica che molto spesso oggi manca: l’educazione alla libertà, intesa come capacità di discernimento, capacità critica di analisi e, quindi, di rifiuto di quei modelli che minano la propria libertà. Questo è un punto molto importante che le aziende non possono trascurare e che anzi temono: sempre più imprese e consulenti Web adottano infatti modelli che ispirino fiducia (in prima battuta offrendo attraverso Internet servizi reali).

Entrambi i modelli (quello homo-centrico sopra citato e quello business-centrico ad esso complementare) dovranno alla fine coesistere e – come accaduto per ogni processo evolutivo – emanciparsi insieme.

Oggi, comunque, il Web è ancora abbastanza confuso e, prima di pensare all’usabilità come ad un’arma del mercato o a qualcosa di ben definibile e raggiungibile totalmente, c’è ancora molto da fare perché diventi (quantomeno) uno strumento per l’accessibilità (è più facile, per esempio, trovare siti totalmente inusabili piuttosto che totalmente usabili).
Grosse speranze in questo senso sono riposte nel Web semantico (per una radicale trasformazione dei sistemi di ricerca e, quindi, di accessibilità ai contenuti del Web) e nella Web intelligence (per processi di analisi dei comportamenti, la creazione di interfacce adattative, l’organizzazione di database, ma non solo).

In generale, comunque, non possono essere accusati quei siti che, rispetto ad altri, presentano caratteristiche innovative di usabilità solo perché grazie ad esse sono in grado di offrire maggiori servizi, semplificare l’uso da parte dei loro utenti e quindi incontrare più fiducia.

 
 CONCLUSIONI
 

Come ogni concetto legato a processi tecnologici in evoluzione (come quelli di interattività, virtualità, ecc.) anche quello di usabilità è fortemente dinamico. Qualche anno fa non si sentiva parlare di usabilità. Poi si è cominciato a discutere di interfaccia usabile dei siti. Oggi si parla di usabilità nell’accezione che abbiamo trattato in questo speciale e che speriamo di essere riusciti a trasmettervi.

Domani per usabilità intenderemo qualcosa di molto diverso da quello di cui oggi discutiamo.

 
 
A Z I E N D A
 Uplink Web Agency
Filosofia aziendale
La nostra sede
Sala Stampa
Collaborazioni
 Info@ - Trimestrale di
 informazione aziendale
N° 1 ott - nov - dic 2004
 Sponsorizzazioni
Master.it 2004/2005
Scricciola
Coro di Santa Cecilia
 Studi
Web Ranking
Web Usability
 Novità
Riprendono i seminari sul Travel 2.0 targati Uplink
La comunicazione di Uplink, le note della Filarmonica della Scala: le eccellenze di Bolgheri Melody
Uplink espositore alla WIT ed è boom con Book-up
Edizione straordinaria! Uplink alla BTO delle Isole - 24/25 maggio - Isola d'Elba
Uplink guida le strutture toscane nel mondo del Web 2.0: dalla ricognizione al budget commerciale
Uplink alla WIT 2010 di Milano con Italia Promozione, Travel 2.0 e…una novità
Book-up, ovvero tutto quello che serve in un booking engine
Simone Genovesi nel Consiglio Direttivo di GGI Confindustria Livorno
"Brands are conversation" - L'intervista a Simone Genovesi su Job in Tourism
Al Consorzio Toscana Mediterranea il nuovo punto d'informazione dell'APT di Livorno
Dove c'è web marketing, c'è Uplink.
Gli Stati Generali del Turismo abbracciano il Web; Uplink presente.
BIT 2010
Bolgheri Melody: è nata la società per organizzare l'evento del prossimo luglio
Travel2.0_blog
Sia Guest
AGRI @ TOUR 2009 Salone Nazionale dell'Agriturismo
BTO 2009 Buy Tourism Online
Seminario provinciale - Il Turismo e il Web 2.0
HOST 2009
TTG TTI 16-18 ottobre 2009 - Rimini Fiera
Convegno - Web in Tourism
UPLINK WEB AGENCY ALLA BETA 2008
Seminario provinciale - Il Turismo e il Web 2.0
TOSCANA LAB - scenari di comunicazione digitale
Seminario provinciale - Il Turismo e il Web 2.0
Travel 2.0 - Nuova generazione di Hospitality Management - intervista doppia
Uplink Web Agency Srl garantisce assistenza e sviluppo anche nel mese di agosto!
Milano - Uplink e' presente come espositore al convegno
Italia Promozione a BIT 2009, Borsa Internazionale del Turismo
Uplink e' stato sponsor del pranzo A.D.A. (Associazione Direttori Albergo)
Italia Promozione - Uplink Web Agency ad Agri@Tour 2008
Addio cataloghi, meglio il web. Alla Beta (borsa del turismo) i tour operator votano per internet - Il Tirreno 27 settembre 2008
UPLINK - ITALIA PROMOZIONE ALLA B.T.O. 2008 con Travel 2.0
Presentazione Consorzio Toscana Mediterranea
Italia Promozione a BIT 2008, dal 21 al 24 febbraio, Fieramilano
Agri@Tour 2006
Uplink al Comitato d'Indirizzo dei nuovi corsi di laurea di Ingegneria Informatica dell'Università di Pisa
Seminario - Grosseto, 25 luglio 2007
Seminario Rimini, 11 dicembre 2006
SIA Rimini 2006
Seminario Pescara, 1 Ottobre 2006
Conferenza Italiana per il Turismo
E' nato Cliccocasa.it
Milano, VIASPETTIAMO.IT alla BIT 2006 - 18, 19, 20, 21 Febbraio
Sponsorizzazione Master Universitario
Convezione con l'Università di Pisa
Intervista de Il Sole 24 Ore
Info@ - giornalino di informazione aziendale
 Contatti
Contatti
Curriculum
 
ALBATROS - La soluzione NONSOLOWEB per il turismo - Hotel, Agriturismo, Camping DOMVS - Agenzie immobiliari on line - pronte per il nuovo mercato NEgoTio - Soluzioni integrate per il commercio elettronico, dalla intranet all'on line imprEndere - PMI on line, la soluzione internet per la Piccola e Media Impresa Cliente - CRM intranet/web - La cura dei vostri clienti a cura di Uplink eMergo: Primi in classifica - Il motore per la visibiltà del vostro business
Vai a Viaspettiamo.it Vai a Cliccocasa.it
 © 2001 - 2019 Uplink Web Agency S.a.s.: Piazza Barontini, 31 - 57023 Cecina (LI) - P.IVA 01350780498
Tel: 0586.635756 | Fax: 0586.638830 | E-mail: info@uplink.it